FORGOT YOUR DETAILS?

L'Oktoberfest di Monaco di Baviera torna dal 16 settembre al 3 ottobre. Oktoberfest, parola magica, senza dubbio. Basta pronunciarla per evocare folle traboccanti, allegria chiassosa, bevute gigantesche, scorpacciate di würstel e di strudel, amicizie estemporanee, ma anche aroma di lager fresche e delicate. I più esigenti troveranno anche birre più corpose, fruttate, persistenti. Per chi vi partecipa un ricordo in più: l’immagine delle bellissime cameriere in vestiti tradizionali che, con grazia inaspettata, volteggiano agili tra i tavoli portando immancabilmente a destinazione enormi boccali spumeggianti. Visita il sito ufficiale dell'Oktoberfest per il programma di quest'anno.

L'interno gremito di un tendone dell'Oktoberfest 2014

L'interno gremito di un tendone dell'Oktoberfest 2014

La festa risale addirittura al 12 ottobre 1810 quando il principe Ludwig di Baviera, in occasione del suo matrimonio con la principessa Teresa di Sassonia, volle organizzare una serie di eventi che per cinque giorni consecutivi deliziarono il pubblico, con un sapiente mix di parate militari, musica, cibo e bevande. Una corsa di cavalli su di un prato, allora situato fuori dai limiti cittadini e chiamato Theresienwiese (il prato di Teresa), disputata in onore alla sposa, scrisse la parola “fine” a quella festa memorabile.

Ma l’enorme successo ottenuto dall'iniziativa convinse le autorità a riproporre la manifestazione negli anni seguenti. Con qualche variante. Nel 1811 oltre alla corsa equina ebbe infatti luogo anche un festival agricolo, la cui attrazione maggiore era una gara di bellezza riservata a cavalli e buoi. Nel 1818, furono installate le giostre e cominciarono a fare le loro prime apparizioni alcuni barili di birra. Nel 1892 fu la volta dei bicchieroni da litro, simili a quelli adoperati ancor oggi. Nel 1986 furono installati i primi tendoni, a iniziativa dei proprietari delle diverse birrerie di Monaco che da allora si sono riservate il diritto esclusivo di vendere “la bionda” all’Oktoberfest.

Una cameriera in costume bavarse

Una cameriera in costume bavarse

La corsa di cavalli terminò nel 1938, mentre il festival agricolo si festeggia ancora oggi ogni quattro anni. Nel 1950, dopo la seconda guerra mondiale che bloccò la festa per qualche anno, il sindaco Thomas Wimmer iniziò una nuova tradizione: il pomeriggio dell’apertura il primo cittadino rompe il primo barile nella tenda di Schottenhamel gridando in bavarese: Ozapft is! (il barile è stato aperto!).

Per avere un’idea delle dimensioni della manifestazione basti sapere che in media ogni anno si contano oltre 6 milioni di visitatori, che bevono sei milioni di litri di birra e consumano un centinaio di manzi, 300.000 salsicce e mezzo milione di polli arrosto. Per ospitare quest’enorme massa di gente, nei diversi stand sono installati ben 94.000 posti a sedere. In linea con queste proporzioni anche il numero dei bagni di servizio: quasi 1.500.

DA GENOVA CON AIR FRANCE

Da Genova è possibile raggiungere Monaco con due voli diretti al giorno di Lufthansa. Un suggerimento: prenotare con quanto più anticipo possibile. L'Oktoberfest ha un enorme richiamo e in quei giorni i posti vanno a ruba! Info e prenotazioni in agenzia di viaggio e su www.lufthansa.com 

Spunti di viaggio

Leggi di più +04 December 2017 By redazione Aeroporto di Genova in Homepage Slider, News, Travel inspirations

ECCO IL SITO E-COMMERCE DEL COLOMBO

Leggi di più +21 August 2017 By redazione Aeroporto di Genova in Amsterdam, Travel inspirations

GRONINGA, LA CITTÀ CHE NON TI ASPETTI

Leggi di più +18 August 2017 By redazione Aeroporto di Genova in Mondo, Travel inspirations

VIAGGIO A CAPE CANAVERAL

Booking.com

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestmail

TOP